Il comunicato ufficiale
In queste ore Twitch ha comunicato la propria posizione, schierandosi totalmente contro i contenuti riguardanti il gioco d’azzardo. In particolare è stato annunciato che ci sarà il ban per tutti i codici referral e link per siti di scommesse. La nuova regola è entrata in vigore il 17 agosto, data dalla quale non sarà più possibile promuovere siti e servizi attraverso i sopracitati metodi.

Una crescita incontrollata
Negli ultimi mesi i contenuti sulla piattaforma Amazon riguardanti l’ambito delle scommesse sono aumentati sempre di più. Tantissimi streamer Italiani, e non, hanno cavalcato l’onda del “content facile”, giocando per ore intere ai vari “Virtual casino” e similari. Un fenomeno spesso sottovalutato ma su cui specialmente gli streamer più importanti, grazie a codici sconto e link referral, possono contare su guadagni molto facili. Basta infatti mostrare il codice in live e le modalità in cui è possibile giocare per incentivare e di conseguenza ottenere il proprio guadagno. Inoltre, sappiamo benissimo come la piattaforma viola pulluli di minorenni, spesso anche molto giovani. In questo modo, questi ultimi riescono ad avvicinarsi ad un mondo, quello delle scommesse, in maniera indisturbata e potenzialmente distruttiva per loro stessi. 

La protesta degli streamer e la decisione di Twitch
La protesta è partita come spesso accade in questi casi, proprio da alcuni streamer molto famosi come come Pokimane, Asmongold e MoistCr1Tikal, che sono stati tra i primi a criticare e condannare aspramente questo metodo utilizzato da molti loro colleghi, chiedendo provvedimenti più importanti. Twitch ha appoggiato la protesta, seppur parzialmente, e per ora ha accettato di proibire totalmente solo i contenuti “Virtual Casino”. Inoltre tutti gli streamer sono stati incentivati ad eliminare entro il  17 agosto dai propri canali, tutti i contenuti più spinti riguardanti il gioco d’azzardo. Infine, come specificato all’inizio dell’articolo, qualsiasi forma di guadagno legata a sponsorizzazioni tramite il gambling è assolutamente vietata. 

La decisione è di quelle importanti, sebbene non sia totalmente bandito l’utilizzo di siti legati al gioco d’azzardo, le restrizioni riguardanti le sponsorizzazioni e alcuni giochi sono sicuramente un ottimo inizio per ridurre notevolmente all’interno della piattaforma questo tipo di contenuti.

Francesco Basile